Ripiegare correttamente un gonfiabile, niente di più facile!

Se ci si trova per la prima volta davanti a un gonfiabile pronto, sicuramente capiterà di chiedersi come si farà a farlo ritornare così piccolo com’era prima del montaggio. Questo pensiero è assolutamente giustificato, perché riporlo correttamente è una questione di esercizio! Spesso i nuovi proprietari di gonfiabili hanno difficoltà a ripiegarli rendendoli di nuovo il più possibile piccoli e si trovano spiazzati. Affinché questo non succeda anche a te, vogliamo regalarti un paio di suggerimenti basati sulla nostra esperienza pluriennale come noleggiatori di gonfiabili.

Innanzitutto, la cosa più importante: prima di smontarlo, il gonfiabile dovrebbe essere sempre completamente asciutto! Non abbastanza asciutto o “solo un po’ umido”, ma veramente asciutto al 100%! Specialmente le cuciture e la base dovrebbero essere controllate. Se non è possibile fare altrimenti e il gonfiabile deve essere smontato ancora umido, occorre urgentemente montarlo di nuovo nei giorni seguenti e lasciarlo asciugare per alcune ore al sole.

Quindi, una volta che il gonfiabile è asciutto, si parte! Come faccio uscire tutta l’aria dal gonfiabile?
Per prima cosa occorre naturalmente spegnere il gonfiatore e staccarlo dal tubo del gonfiabile. Tutte le cerniere o altre aperture presenti dovrebbero essere aperte e tenute aperte con le mani ancora per un po’. In questo modo, l’aria può fuoriuscire al meglio. A questo punto, qualcuno si chiederà: come mai non esiste un aspiratore o un gonfiatore per risucchiare semplicemente l’aria? La risposta è: esiste! Tuttavia, dopo aver sperimentato tantissimi modelli esistenti, siamo giunti alla conclusione che questi apparecchi purtroppo non sono realmente efficaci. Per questo, continuiamo semplicemente a fare a mano (o con il piede) e camminiamo sul gonfiabile finché la maggior parte dell’aria non è uscita e il gonfiabile è steso piatto sul terreno.

Ora è il momento di piegarlo nel modo corretto, affinché il gonfiabile diventi bello compatto, abbastanza da essere trasportabile! La cosa migliore è iniziare a richiudere il gonfiabile a metà riunendo entrambi i lati. Dopo questa prima manovra, si consiglia di camminare nuovamente sul gonfiabile per far uscire ulteriormente l’aria residua. A questo punto, piegare ancora una volta a metà il gonfiabile e camminarci sopra ancora un paio di volte. Una volta che il gonfiabile si è ridotto a un tubo stretto (largo circa un metro), è possibile iniziare ad arrotolarlo dalla parte anteriore (ovvero la parte anteriore della superficie percorribile). Dopo averlo arrotolato completamente, tendere una cinghia attorno all’intera circonferenza del gonfiabile e infilarlo in una custodia adatta o nella sacca per il trasporto! In questo modo, il gonfiabile entra in una qualsiasi auto familiare e si conserva in magazzino perfettamente su un bancale Epal.

Lascia un commento